Come installare WordPress in locale sul tuo Mac senza usare sistemi di terze parti come MAMP

· · Articolo in WordPress

In questo articolo ti spiego come configurare WordPress sul Mac OS X in locale, senza usare i software come MAMP, XAMPP o simili, configurando Apache VirtualHost e installando MySQL. In questo modo potrai lavorare al tuo tema o plugin WordPress anche quando sei offline.

Quando devi sviluppare un tema o plugin di WordPress, ci sono diverse possibilità di come impostare il tuo lavoro. Io preferisco sviluppare tutto sul mio Mac in locale e fare i commit con gli avanzamenti del lavoro su un repository Git, da dove poi le modifiche vengono trasferite al server di produzione. Dipende dai casi, ma mi capita anche di dover trasferire i file modificati direttamente via SFTP sul server di staging o di produzione, una volta testati che funzionino in locale.

Lavorando in locale non ti serve una connessione a Internet e puoi lavorare al tuo tema WordPress quando e dove vuoi, testando subito quello che fai, vedendone i risultati nel browser. Una volta che avrai accesso a Internet, potrai fare i commit delle tue modifiche o andare a sovrascrivere i file via SFTP, tutto dipende dal tuo workflow.

In ogni caso, ti consiglio sempre di tenere un repository Git (anche solo in locale), per salvare le modifiche ed essere sicuro di poterle recuperare in casi di bisogno. Quindi serve per conservare uno storico degli sviluppi, per poter tornare a una versione precedente di un file, ma anche per il backup del tuo lavoro. Puoi usare GitHub, Bitbucket oppure Beanstalk, o come ti dicevo prima, solo in locale.

Ora ti spiego quali sono i passaggi per configurare Apache VirtualHost e installare MySQL sul tuo Mac.

1. Configura Apache e virtual host su Mac

Apri il Terminal del Mac e digita i seguenti comandi, premendo poi il tasto Enter:

cd /etc/apache2/
sudo nano httpd.conf

Ti chiederà di inserire la password, metti quella che usi per accedere al tuo Mac.

Questo comando ti porta nella cartella di Apache e apre il file di configurazione nel editor. Ora dovresti cambiare e aggiungere alcuni parametri:

Trova la riga #LoadModule php5_module libexec/apache2/libphp5.so e rimuovi l’asterisco (#) che c’è di fronte. In questo modo abiliti il modulo PHP di Apache che servirà per eseguire tutti i file di WordPress.

Scendi fino la riga con ServerAdmin e metti il tuo indirizzo email accanto, sostituendo l’esempio che c’è. Quindi sarà tipo:

ServerAdmin tu@tuodominio.it

Ora vai alla riga con DocumentRoot e metti tra virgolette il percorso dove vuoi installare WordPress. Io uso una cartella «Sites» che ho creato nella home del mio utente, nello stesso posto dove hai le altre cartelle come «Documenti», «Musica», «Immagini» etc… Quindi il risultato viene tipo:

DocumentRoot "/Users/nome utente/Sites"

Nota: ricordati di andare a creare fisicamente la cartella «Sites».

Adesso, subito sotto al tuo DocumentRoot, dovresti inserire queste impostazioni:

<Directory />
Options FollowSymLinks
#Options Indexes FollowSymLinks Includes ExecCGI
AllowOverride All
Order deny,allow
Allow from all
</Directory>

Subito sotto, c’è <Directory> con dentro racchiuso un percorso, devi sostituirlo con quello di prima, che punta alla tua cartella «Sites». Sarà quindi così:

<Directory "/Users/nome utente/Sites">

Sempre in questo punto, dentro <Directory>, sono racchiusi diversi parametri. Trova quello AllowOverride e cambia il suo valore da None a All:

AllowOverride All

Fatto questo, cerca quasi al fondo del file la parte con # Virtual hosts e subito sotto inserisci i seguenti parametri:

NameVirtualHost *:80
Include /Users/nome utente/Hosts/*

Nota: ricordati di sostituire nome utente con il tuo utente del Mac e di andare poi a creare fisicamente la nuova cartella «Hosts».

Hai finalmente finito con il file httpd.conf ;) Ora non ti resta che salvarlo e uscire. Premi ctrl+X, poi Y e infine Enter.

Per adesso puoi anche chiudere il Terminal.

Ti allego come esempio il mio file httpd.conf

Nell’ultima modifica del file httpd.conf abbiamo inserito una referenza alla cartella «Hosts». Dovresti creare questa cartella (se non l’avessi già fatto) sempre dove si trovano le altre cartelle del tuo utente («Documenti», «Musica», «Immagini» etc…), e creare il file di configurazione del VirtualHost, con la scelta dell’indirizzo URL da associare alla tua installazione locale di WordPress. Per farlo, segui questi passaggi:

Nella cartella «Hosts» crea un file e chiamalo wordpress.conf
Aprilo con un editor di testo e inserisci dentro questi parametri:

<VirtualHost *:80>
DocumentRoot /Users/nome utente/Sites/WordPress
ServerName wordpress.dev
</VirtualHost>

Qui praticamente decidi la cartella dove installerai fisicamente WordPress e anche l’indirizzo URL con il quale il tuo sito web locale sarà raggiungibile dal browser. Io ho chiamato la mia cartella «WordPress», perché dentro la cartella «Sites» tengo anche altri file. Invece, come indirizzo URL, ho semplicemento scelto wordpress.dev (puoi usare solo w.dev, mio.sito … quello che vuoi, davvero 😜)

Salva e chiudi il file wordpress.conf che hai appena creato.

Ora resta solo più una modifica da fare al file hosts globale.

Apri di nuovo il Terminal e digita il seguente comando:

sudo nano /etc/hosts

Si aprirà di nuovo l’editor dove vedrai già una serie di parametri che sono presenti nel file hosts. Dovresti inserire ora l’indirizzo URL che hai deciso per la tua installazione WordPress locale, nel nostro caso è wordpress.dev, e farlo puntare al localhost. Inserisci subito sotto tutti gli altri parametri del file hosts questa riga:

127.0.0.1 wordpress.dev

Salva e chiudi il file hosts, nello stesso modo come abbiamo fatto in precedenza: ctrl+X, poi Y e infine Enter.

L’ultima operazione, per rendere effettive tutte le modifiche appena fatte, sarebbe quella di riavviare Apache. Inserisci nel Terminal il seguente comando:

sudo apachectl restart

Complimenti! Hai appena finito con la parte di Apache. Ora si passa alla fase di installazione e configurazione di MySQL. ;)

2. Installa e configura database MySQL in locale sul tuo Mac

Mentre Apache e PHP sono già compresi nel sistema OS X, MySQL non è installato di default sul tuo Mac.

La prima cosa da fare è scaricare e installare gratuitamente la versione recente di MySQL Community Server. Consiglio di scaricare e installare il «DMG Archive». Ti chiederà di registrarti o fare login, se vuoi salta, passando direttamente al link sotto «No thanks, just start my download».

Una volta scaricato il file di installazione, lancialo e segui le fasi dell’installazione. Al termine dell’installazione comparirà una finestra con un messaggio che dice:

[Note] A temporary password is generated for root@localhost: o4dSsuj3kmg4

Salva questi dati da qualche parte, ti serviranno per creare nuovi database e fare accesso come root.

Dopo l’installazione, troverai anche un’icona «MySQL» in basso nelle «Preferenze di Sistema» del tuo Mac. Cliccando su quest’icona si apre un pannello con la possibilità di far partire o fermare il server MySQL. C’è anche un’opzione da spuntare per lanciare il server MySQL automaticamente a ogni avvio del sistema operativo.

Ora dovresti collegarti al server MySQL e creare un database. Io uso un programma gratuito per il Mac che si chiama «Sequel Pro». Per connetterti al localhost (127.0.0.1), usa il nome utente root e la password che hai copiato dalla nota di fine installazione del MySQL Community Server.

Nota: a volte mi è capitato che durante l’installazione non veniva impostata nessuna password. Quindi se non ti prende la password prova a lasciare il campo vuoto.

Infine, crea un database che ti servirà da usare con l’installazione di WordPress.

Ci sei quasi ;) hai appena finito di installare e configurare MySQL sul tuo Mac.

3. Scarica e installa WordPress sul tuo Mac

Scarica WordPress dal sito ufficiale w.org. Devi scompattare il file compresso e mettere tutti i file del core nella cartella «WordPress» che avevi creato dentro la cartella «Sites». Il percorso sarà così: /Users/nome utente/Sites/WordPress

Adesso apri l’indirizzo http://wordpress.dev nel tuo browser e segui la classica installazione di WordPress in 5 minuti. Come dati del database metti quelli che avevi impostato alla fine del passaggio 2.

Non è finita qui, come ultima cosa dovresti sistemare i permessi sulle cartelle dove hai installato WordPress. Nel tuo Terminal inserisci questi comandi:

sudo chown -R _www /Users/nome utente/Sites/WordPress
sudo chmod -R g+w /Users/nome utente/Sites/WordPress

In questo modo potrai fare tutti gli aggiornamenti e nuove installazioni di temi e plugin direttamente da wp-admin di WordPress, senza dover scaricare e copiare le cartella manualmente.

Ora puoi anche mettere il percorso del tuo tema in locale nel tuo code editor, io uso «Coda» e imposto sempre l’indirizzo locale nel Local Root.

Complimenti! ;) Hai appena installato WordPress in locale sul tuo Mac. Se hai problemi o domande, scrivimi tutto qui sotto nei commenti e cercherò di risponderti appena posso.

Buon lavoro con lo sviluppo di temi o plugin di WordPress in locale 😎

⇡ Torna su

Lasciami i tuoi commenti